Fanfole - Fanfole

Fanfole di Nicola Villa

RSS Feed

Macanudo: le strips di Liniers

140933
Fate posto noccioline, bambini coi tigrotti e vecchi ubriaconi inglesi perché nell'arcangelico e sottile regno della striscia di comics è entrato anche Macanudo, la creazione dell'argentino Liniers, nato a Buenos Aires nel 1973. Non molti lo conoscono di nome, ma i suoi personaggi con nasi pittoreschi e sempre rossi, il gatto Fellini, l'orsetto Madariaga, i pinguini e il robot sensibile, tutti disegnati con estrema semplicità, sono abbastanza riconoscibili anche per i non-lettori di “La Nacion” e “Internazionale”. Le strips di Liniers si caratterizzano per una sottilissima ironia che ricorda Penauts, per una capacità all'apertura e al sogno e infantile simile a Calvin e Hobbes, ma si contraddistingue per una costruzione del tempo comico unica, una comicità fatta di poche cose, ma efficacissima. Sono due i volumi che raccolgono le strisce (tutt'e due Double shot) di Macanudo, che in spagnolo vuol dire “fantastico”, mentre in questi giorni al Bil Bol Bul è possibile vedere le sue strisce originali all'Aemilia Hotel di Bologna (Liniers ha dipinto anche le pareti e lo specchio della stanza 426 dell'albergo: prendete l'ascensore fino al quarto piano e tentate di varcare la più anonima delle porte con apertura elettrica dell'hotel). Per il suo lavoro si è parlato della sua capacità di rappresentare l'eroismo quotidiano, di “allegria malinconica”, della delicatezza con cui racconta un mondo duro, della capacità di saper riuscire a stupire ogni volta.

Commenti

E se poi "passate" da buenos aires fino a fine mese avete la mostra di liniers al centro cultural recoleta http://centroculturalrecoleta.org/ccr-sp/exposiciones/2010/02/05/liniers/#more-481 chau!