Fanfole - Fanfole

Fanfole di Nicola Villa

RSS Feed

Sguardi dal primo finesettimana

via www.santarcangelofestival.com

illustrazione di Anna De Florian, Federico Mazzoleni, Cristina Portolano


Amo dunque sono

In un centro commerciale un ragazzo con una grande scritta READY FOR LOVE? aspetta un appuntamento che mai arriverà, mentre nello stesso non-luogo si inseguono e si fuggono Matsumoto e Sawako, consumatori di un amore infelice e clandestino da shopping, e Nakui perseguita ciecamente la pop star Haruna fino a un tragico epilogo che ha molti archetipi anche occidentali. I Wunderbaum reinterpretano Dolls di Kitano nel centro commerciale Atlante della Repubblica di San Marino: gli attori sono microfonati e si perdono nella folla solitaria mentre il pubblico ascolta i loro melensi e vuoti e melodrammatici dialoghi in cuffia. Magna plaza si prende così tanto il rischio di essere un’operazione postmoderna da risultare opera significativa sull’immagine e sull’idea dell’amore contemporaneo. Questo perdersi, inseguirsi e mai incontrarsi nella folla solitaria sembra suggerirci l’idea che se esiste qualcosa oggi di più kitch e vuoto, sterile e inutile, impossibile come una sconfitta, questa cosa è l’amore. O un centro commerciale.

[Nicola Villa]