Fanfole - Fanfole

Fanfole di Nicola Villa

RSS Feed

Carotaggi

Spaesamento-vasta-
Il nuovo libro di Vasta, Spaesamento, nella collana Contromano della Laterza, conferma il talento dello scrittore quarantenne siciliano, la sua attitudine di acuto osservatore in bilico tra sociologia e poesia e la stabilizzazione di un genere quello che in una libreria potrebbe finire nel reparto "Fiction berlusconiana". Prima questo terzo punto: sono ormai moltissimi i romanzi che parlano di Berlusconi non come personaggio politico, ma come simbolo fagocitante di immaginario e trasformatore di immaginario a sua volta. Da Pascale a De Amicis, passando per Virgilio di Porno ogni giorno sempre in questa collana, ormai l'Italia trasformata da questo ventennio culturale berlusconiano è un vero territorio letterario, un luogo nel quale gli scrittori tentano di tracciare mappe e direzioni. Spesso i risultati sono in ritardo, le strade che delineano sono già vecchie, ma questo piccolo romanzo di Vasta ha il dono di non fermarsi alla mera testimonianza, ma di andare oltre. Questo grazie allo stile: Spaesamento è infatti l'attraversamento di Palermo, la città più conformista del paese, in tre giorni estivi nei quali il suo autore si aggira come un geologo antropologico che fa carotaggi, delle estrazioni di tessuto e stratificazioni sociali per capire a che punto è la trasformazione, a che punto è la notte. Stratificazione, straniamento e spaesamento per fare una catena con l'aggiunta di uno stile che ricorda l'esistenzialismo, quello più letterario alla Camus per capirci, mediterraneo e politico. Il carotaggio come espediente letterario non solo è originale, ma permette al suo autore di fare collegamenti che nascondono una grazia e una bellezza unica, che cozza e contrasta col disastro e la bruttezza del presente.