Fanfole - Fanfole

Fanfole di Nicola Villa

RSS Feed

LA NOIA E’ CONTRORIVOLUZIONARIA! _ Sperimentazioni per un’altra università

via www.facebook.com

LA NOIA E’ CONTRORIVOLUZIONARIA_ SPERIMENTAZIONI PER UN’ALTRA UNIVERSITA’ ::.

Lo slittamento del Ddl Gelmini, importante ma ancora parziale vittoria delle mobilitazioni di questi giorni, non ferma le proteste di studenti, ricercatori e docenti. Pensiamo infatti che la vera sfida non sia difendere l’università del presente, ma costruire un nuovo modello di produzione e condivisione dei saperi.

Per questo, nella Facoltà di Filosofia, gli studenti hanno deciso di aprire un laboratorio permanente che sappia immaginare e proporre una nuova idea di Università, a partire dalla cooperazione tra i soggetti che la attraversano.

Giovedì 21 Ottobre dalle ore 11 fino alle 22, come primo appuntamento le aule, ancora senza lezioni per via del blocco della didattica, saranno riempite dalle iniziative di studenti, docenti, ricercatori, artisti, esponenti del mondo della cultura e dei movimenti sociali.

Mostra fotografica con alcuni degli artisti che hanno partecipato all’edizione 2010 del Festival di Fotografia Occhirossi : Andrea Angeletti, Flora Contoli, Alessandro Crapanzano, Ludovica de Luca, Flavio Rivabella, Matteo Vernia

Ore 11 –Aula I Presentazione della rivista “Common – n°0: Guerra all’intelligenza”, ed. DeriveApprodi
Ore 13 – Pranzetto musicale “Food_swing” (pasta ‘n’roll e torte salate !!!!)
Dalle 15 in poi proiezione di video inchieste e film
Ore 18 – Aperitivo musicale
Ore 19.30 – “Genova 01”, Un "teatro-documento" suddiviso in 4 "giornate" e affidato alla lettura di più voci scritto e interpretato da Fausto Paravidino con la sua compagnia.

“È il 2001, è luglio, non sono a Genova, vengo a sapere, mi stupisco. Di fronte allo stupore inizio lo studio perché non si può restare stupiti senza capire. Scopro tantissime persone che stanno facendo la stessa cosa. Molti percorsi si uniscono. Lo stupore si trasforma in indignazione, l’indignazione in sofferenza, la sofferenza in esigenza di comunicazione, di rappresentazione, di testimonianza. Nasce il piccolo testo Genova 01. È una tragedia di un quarto d’ora in quattro atti. Gli atti corrispondono a quattro unità, quattro blocchi di tempo e di azione: il giovedì con la manifestazione tranquilla dei temi del movimento, il venerdì con la repressione di piazza e la morte di Carlo Giuliani, il sabato con la repressione di piazza e la Diaz (la repressione che entra in casa), la domenica (e giorni seguenti) con la caserma di Bolzaneto (la repressione che fa dei prigionieri)”

20 e 30 dibattito .